Guida alla camicia su misura

La camicia su misura per l’uomo: un concetto che racchiude un mondo.
Espressione di uno stile, simbolo di carattere e riflesso del gusto di un uomo, la camicia rappresenta un irrinunciabile capo che fa di un semplice outfit un vero e proprio biglietto da visita.
Che sia da cerimonia, ricercata e raffinata, o per vivere il weekend, casual ed informale, la decisione dell’acquisto di una camicia su misura, in grado di comunicare molto di se’, va ponderata con attenzione valutando diversi aspetti.

Innanzitutto la fattura, ovvero il tessuto. L’Oxford, raffinato e pregiato, è realizzato mediante un intreccio di fili di diverso spessore; il denim è la soluzione più idonea per una camicia sportiva; il twill trova nella rigatura diagonale la sua peculiarità; il pin point, elegante e pregiata variante dell’Oxford, adatto a situazioni più informali; e ancora la garbadine, realizzato con tessuto filato pettinato in tinta unita, elegante e resistente; il popeline, cotone fresco, lucido e morbido; il lino, intramontabile tessuto, ideale per la stagione estiva per l’intrinseca freschezza che garantisce e, infine, il Sea Island, un cotone morbido e di qualità superiore, realizzato intessendo una trama di 140 fili per pollice quadrato.

Come orientarsi nella scelta? Carosi, oltre a disporre di un vasto assortimento di tessuti, ha l’esperienza giusta per suggerire quale trama sia più adatta a ciascuno stile.

Definito il materiale, il passo successivo è stabilire quale debba essere il taglio della camicia. E, anche qui, le opzioni tra cui scegliere sono diverse: quello classico – detto anche regular – offre una vestibilità che ben si adatta ad ogni stile, ma se si predilige una soluzione che segua i contorni del busto, probabilmente il taglio slim è quello più idoneo. O, ancora, il custom, caratterizzato da una linea più morbida, per una vestibilità che assecondi la comodità. E ancora: il dettaglio dell’abbottonatura con le sue varianti stirata, a cannoncino (doppia cucitura tipica di una camicia sportiva) o con bottoni coperti, indubbiamente espressione di eleganza.

Il collo offre pure molteplici soluzioni di realizzazione. Innanzitutto, come prima macrodistinzione, rigido, morbido, con o senza stecche. Scendendo, poi, nello specifico troviamo il collo italiano, con punte piuttosto lunghe e chiuso da un singolo bottone, che rappresenta un classico versatile, da indossare con o senza cravatta; il collo francese, con punte corte e aperte, sinonimo di raffinatezza e particolarmente adatto ad occasioni formali; il botton down, con punte fermate da bottoncini, indossabile tutti i giorni in quanto adatto ad un look informale; il collo club, in stile anni Venti, con le sue punte arrotondate; il collo alla coreana senza punte, un modello di tendenza ispirato alla moda orientale e, infine, il collo con alette che si indossa esclusivamente con abiti da cerimonia, e che trova la sua perfetta combine insieme al papillon.

I polsi della camicia possono essere rotondi, smussati, con doppio bottone, con doppia asola o da gemelli. Il polso su cui s’indossa l’orologio, di solito, si lascia un centimetro più largo per dare maggiore libertà di movimento.

Infine, tocco di classe e di unicità, le iniziali ricamate, o cifre: in stampatello o in corsivo, con o senza punti, possono spiccare per contrasto cromatico o essere ricamate tono su tono. La posizione ideale per il monogramma è sul lato sinistro, poco al di sopra del punto vita, invisibile con indosso la giacca.

La scelta di acquistare una camicia su misura rappresenta, in definitiva, l’ultimo atto di una presa di coscienza sull’identità di stile che ciascuno vuole affermare di se stesso e, una volta terminato questo processo ponderato con cura, sarà difficile tornare indietro convincendosi che un capo come questo sia soltanto un indumento per ripararsi da un agente atmosferico.